lunedì 18 luglio 2011

Vietato riciclare il SW

La rivendita di titoli di seconda mano sotto attacco da parte delle grandi aziende, che temono questo mercato parallelo più della pirateria. La compagnia giapponese lancerà un codice virtuale per giocare online, incluso per i titoli 'nuovi' ma da acquistare a parte se usato. E scoppia la polemica fra software house e comunità online
qui l'articolo completo da Repubblica
Sembra una cosa da niente, che colpisce solo chi gioca online, ma pensate se la applicassero a software quali photoshop o autocad. Questo genere di prodotti ha licenze che arrivano a costare decine di migliaia di euro e rappresentano spese non indifferenti per le aziende. Al momento, un buon modo per poter usufruire legalmente di questi software, è acquistare le licenze delle versioni meno recenti dalle ditte che rinnovano il loro parco programmi.
Tra l'altro c'è stata pure una causa a riguardo proprio sul cad
http://arstechnica.com/tech-policy/news/2008/05/court-smacks-autodesk-affirms-right-to-sell-used-software.ars
La corte ha stabilito che è possibile rivendere il software usato sullo stesso principio con cui è possibile rivendere libri usati.
But Judge Richard A. Jones rejected that argument, holding that Vernor is entitled to sell used copies of Autodesk's software regardless of any licensing agreement that might have bound the software's previous owners. Jones relied on the First Sale Doctrine, which ensures the right to re-sell used copies of copyrighted works. It is the principle that makes libraries and used book stores possible. The First Sale Doctrine was first articulated by the Supreme Court in 1908 and has since been codified into statute.
Non mi sembra corretto l'atteggiamento di Sony che cerca di aggirare i diritti dell'utente inserendo un lucchetto digitale (DRM).
Oltre a questo, voi potete rivendere un libro usato ma provate con un ebook usato...

Il sistema più diffuso di difendersi è quella di buttarla in politica, ma il più delle volte non paga


Antonio Ingroia, magistrato antimafia e allievo di Paolo Borsellino, replicando a Saverio Romano aveva dichiarato che "Gli imputati si difendono come credono e il sistema piu' diffuso di difendersi e' quella di buttarla in politica ma il piu' delle volte non paga".

La frase, probabilmente, non è piaciuta al deputato del P.I.D e componente del gruppo dei "Responsabili" Giuseppe Ruvolo. Il parlamentare riberese, in una nota, attacca Ingroia affermando: "Non vorremmo che il tentativo di trarre visibilita' prendendo posizione diversa da quella del dott. Di Matteo, rappresenti per il dott. Ingroia un trampolino di lancio per la sua candidatura a sindaco di Palermo. Dopo De Magistris a Napoli, potrebbe essere il meritato sbocco professionale. L'unico dato: sarebbe bene giungere alla politica per via ideale e non facendo uso di sentenze mediatiche".

La nota è stata diramata il 14 luglio proprio mentre la stampa dava notizia dell'operazione antimafia "Maginot", condotta brillantemente dallo stesso Ingroia, che ha tratto in arresto 10 presunti fiancheggiatori del boss Falsone ed ha interessato pesantemente anche il territorio di Ribera.

Il parlamentare riberese ha preferito correre in difesa dell'amico Saverio Romano e criticare Ingroia al posto di complimentarsi con lui per la brillante operazione antimafia.

Dopo la difesa ad oltranza di Totò Cuffaro (condannato in via definitiva per favoreggiamento alla mafia) inizia quella nei confronti di saverio Romano.

venerdì 15 luglio 2011

LulzStorm Colpisce le Università Italiane




Ecco il loro comunicato stampa:

Hi all, gentlemen.

Firstly, we would make clear to everyone that we're not part of Anonymous. We are not LulzSec. We share many ideas, we really like their work, but we are NOT them.

And in fact, we don't like some of the actions taken by LulzSecITA: DDoSing random websites isn't good for our cause, and we hope there will be much more care in choosing next targets.

Anyway, this isn't the right place to discuss that.

We've read many things on Italian press and blogs, and we'd like to answer to an obvious question about our recent release: Why?

The answer is simple. We've done it to tell every Italian student how little secure their personal data are. Sql injections everywhere, cleartext passwordz. Do you know what does it mean?
It's not like leaving your house open to everyone, it's more like to hang a sign that says "Enter here" above the door. And if after that people keep saying their server were not compromised denying the evidence, they're only more lulz for us!

We've heard some funny stories on Italian media. Very funny stories, we must admit. The cyber-war, the promise that "it's only the beginning", blah blah blah. We didn't say a single word from the release, so it's only imagination of editors.

If you want to hear from us, follow @LulzStorm on Twitter.

LulzStorm is NOT Anonymous.
LulzStorm is NOT LulzSec/LulzSecITA.

LulzStorm is... LulzStorm.
See you at the next release, gentlemen.

Qui i dati:

http://t.co/9KGBmzB (bittorrent)
http://t.co/NWQel4C (mediafire)

sabato 9 luglio 2011

Il Premier rinvia la visita a Lampedusa XD


Sono tutti approdati a Lampedusa i quattro barconi avvistati ieri sera da un aereo in ricognizione nel Canale di Sicilia. Complessivamente sono oltre mille (per l'esattezza 1041)

Berlusconi rimanda la visita, il sindaco - bastava così poco? Siamo l'isola dell'accoglienza.

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=154475

Il post del sabato XD - Raw eBooks


http://thedailywtf.com/Articles/Sponsor-Appreciation-Windows-Azure-with-a-Free-TDWTF-Mug.aspx

venerdì 8 luglio 2011

Da quando avevo -7 anni... Scilipoti «Re dei peones»


O dei "cojones"...
Ha veramente dichiarato di essere stato 22000 VENTIDUEMILA volte a rio?
Considerando 8 ore di andata, 8 ore di ritorno, dormendo in aereo, 8 ore ad aiutare... Scilipoti aiuta a Rio da quando aveva -7 anni.
Ora ne ha 53, con una visita al giorno, è in vita da circa 19354 giorni, non c'è dubbio, aiutava da quando aveva -7 anni.

E parla di se stesso in 3^ persona:
Questo parlamentare Scilipoti aveva fatto in un anno 140 interrogazioni, 30 proposte di legge di prima firma, era intervenuto in Aula 150 volte, aveva fatto 220 conferenze in giro per il Paese, ha costituito 18 gruppi di lavoro, ha aperto il palazzo Marini al popolo...». E ancora: «Questo Scilipoti ha fatto 22mila visite nelle favelas in Brasile, questo Scilipoti ha scritto 12 libri, ha avuto la cittadinanza carioca per quanto fatto a Rio de Janeiro e una sala di lettura in Brasile porta il mio nome, è uno Scilipoti che crede nella solidarietà, nella famiglia, nella patria e ha fede: crede in Dio!».

Fuori onda: Brunetta parla, Tremonti lo demolisce ''E' un cretino''

Non proprio uguali uguali



Questa è la tabella che abbiamo realizzato insieme a Openpolis sulla situazione dei ‘doppi incarichi’: per capirci, quelli che fanno sia i parlamentari sia gli amministratori locali (qui l’inchiesta completa, con il database etc).
Come si vede chiaramente, a forza di rompere le scatole, nel centrosinistra (colonnina rossa il Pd, colonnina grigia l’Idv) il fenomeno è molto più marginale che nel centrodestra (colonnina celeste a sinistra il Pdl, colonnina verde la Lega).
Il che non toglie che, a mio modesto avviso, andrebbe debellato del tutto.
Notevole l’attaccamento alla doppia poltrona dei leghisti, che una volta approdati tra gli arazzi del Palazzo non se ne vanno via da Roma ladrona neanche morti.
La colonnina blu in mezzo è il Terzo Polo.

dal blog Piovono Rane di Alessandro Gilioli

martedì 5 luglio 2011

Numero 0864, Codice E.15.18, Tessera 2148


Un breve estratto dalla relazione di maggioranza risultato dell'inchiesta parlamentare sulla loggia massonica P2

Il Firrao figura anche come dirigente della SACE (Società di Assicurazione per i Crediti nell’Esportazione) ed è compreso negli elenchi della Loggia P2.
Non sembra inutile sottolineare come in tal modo Gelli ed Ortolani possano aver conseguito un controllo in un settore chiave dell’amministrazione statale dalla quale passano tutte le operazioni di natura valutaria.
Si ricordi infine che presso il ministero del Commercio con l’Estero funziona pure un Comitato interministeriale composto dai rappresentanti dei ministeri degli Esteri, dell’Industria, della Difesa, delle Finanze e del Commercio con l’Estero, nonché del SISMI (in precedenza del SID) che esercita il controllo sulla vendita delle armi a paesi terzi.
Ad ulteriore conferma dell’interesse che un qualche potere non istituzionale aveva per il ministero del Commercio con l’Estero si può ricordare quanto riferito nella sua audizione in Commissione il 24 gennaio 1984 dall’onorevole Zanone. Nel 1979, in occasione della formazione del primo Governo dell’VIII legislatura, il ministero del Commercio con l’Estero, anziché essere affidato, come sembrava in base agli accordi di Governo, all’onorevole Altissimo, fu assegnato di nuovo a Stammati: Zanone afferma che egli ebbe l’impressione che forti pressioni fossero state esercitate perché si addivenisse ad una soluzione del genere. Riscontriamo tra l’altro che successivamente venne attribuito all’onorevole Enrico Manca, elenchi della Loggia P2.

In questo estratto, a cui trovate il link in calce all'articolo, compare il nome di Enrico Manca correlato ai tentativi della loggia di prendere il controllo della componente economica dell'amministrazione valutaria italiana.

Manca fu poi assolto, in un processo veramente fulmineo (da un articolo dell'archivio storico del Corriere della Sera)

Manca vinse la causa e il primo record fu la sua velocita': meno di otto mesi in tutto. Il secondo record fu la formula con cui vinse. Per i giudici non solo la sua partecipazione alla P2 "non era provata", ma "esisteva la prova positiva" del contrario.

Restano però parecchie ombre (definirle ombre è riduttivo) sulla vicenda:

Tale "prova inoppugnabile", rimasta agli atti, fu una testimonanza resa nel 1981 da Maurizio Costanzo: "Manca mi disse che ad iscriversi non ci pensava proprio". La sentenza fu pronunciata il 12 luglio 1985 dalla prima sezione del tribunale civile, presidente Filippo Verde (oggi accusato, tra l'altro, di aver avuto da Previti centinaia di milioni). L'estensore della sentenza fu invece Carlo Izzo, che con Previti, Verde e lo stesso Manca partecipo' tre anni dopo ("Non sborsai una lira") al gala' americano per Craxi.

Nel 1986 Manca viene nominato presidente della RAI.
Viste le relazioni con Craxi, Previti (avvocato difensore) e Carlo Izzo non sembra proprio la trasparenza fatta persona.

Racconta Vittore Pastucci (terzo contribuente della Capitale, poi finito in cella per storie di titoli falsi):

I giudici Verde, Mondello e Zucchini erano costantemente invitati alle feste di Cesare Previti, tanto che le loro mogli solevano vantare l' opulenza di quelle feste. Le paragonavano a quelle che io ormai non davo piu' e che comunque ritenevano di tono minore"

La loggia P2, la pubblica amministrazione e la magistratura – I rapporti con la pubblica amministrazione

3 luglio 2011 NO TAV scene di ordinaria resistenza in Valsusa

lunedì 4 luglio 2011

Val di Susa: giovane torturato dalla polizia



via Globalproject.info

Una rondine non fa primavera...

Ma fa un sacco ridere, veramente mi spezza :D
La polizia che prende a sassate i manifestanti XD

Cos'è? avevano finito i lacrimogeni?, neanche quelli gli pagano più?
Ok, ora torniamo seri, per la traforare la valle la pecunia c'è ma per i giubbetti antiproiettile?
Con l'onorevole Federico Testa, il Pd aveva presentato un'interrogazione parlamentare per chiedere conto della scarsa dotazione di giubbotti. Ma Maroni non ha ancora risposto. Adesso capisco il perché: avrebbe annunciato che li ritirava tutti
Qualcuno mi spiega perché per pestare i poveracci in Val di Susa i fondi ci sono ma per garantire la sicurezza ordinaria nelle città no?
Sì all'esercito, sì alle ronde finanziate dal comune ma no per i giubbetti antiproiettile?
A Verona le ronde esistono gia' e il Comune le finanzia con 100mila euro l'anno. Il Sindaco, Flavio Tosi, precisa che non c'e' mai stato nessun problema, anche perche' - spiega - «coloro che sono conosciuti come violenti sono stati tenuti lontano da questa forma di volontariato». Se problemi, invece, ci sono stati a Padova, secondo Tosi dipende dal fatto che il sindaco Flavio Zanonato le ronde non le ha proprio istituzionalizzate
(se vi interessa l'argomento ecco da dove è preso Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia per la CGIL pag.34)
SICUREZZA: SIULP E SAP A LA RUSSA, STOP A 'STRADE SICURE' E' ASSOLUTAMENTE INUTILE, SOLO IMMAGINE. RISORSE A FORZE ORDINE
(continua qui...)
Io mi sentirei un attimo preso per il culo... non so voi. Scusate ma Milano non doveva riempirsi di zingari, immigrati, barboni, comunisti, cani, porci, gatti, maiali alati, fulmini, saette, fuoco e zolfo, morti che ritornano dalla tomba! ops, scusate, mi sono fatto trasportare, un po' come il giornale, è che pensavo sarebbero stati più utili là i poliziotti, visti i disastri paventati dal (per fortuna) ex-sindaco Moratti
PS si ridere per non piangere

Maroni nel 2005: "Il problema non si risolve con strumentalizzazioni o con l'intervento delle Forze dell'Ordine"



Nel 2005 Roberto Maroni in un intervista di Giacomo Ambrosetti su "La Padania" difende la posizione dei no-tav ed è contrario all'intervento delle Forze dell'Ordine, oggi invece le manda a fare massacri.

Ma nemmeno Roberto Cota è da meno, qui la sua opinione nel 2005 in suo articolo sempre su "La Padania".

Vittorio Arrigoni - Restiamo Umani


E' sempre importante ricordare, gente che vive e che muore per fare ciò che ama.

Reporter e scrittore Particolarmente attivo nella comunicazione via Internet, gestendo più canali di informazione su YouTube e alcuni blog, tra i quali anche uno personale di critica e poesia, Arrigoni era reporter per il quotidiano Il manifesto, per PeaceReporter, per Radio 2 (Caterpillar), Radio Popolare, per l'agenzia stampa InfoPal e commentatore per numerose altre testate italiane ed internazionali. Con ManifestoLibri pubblica nel 2009 il libro Restiamo umani, raccolta dei propri reportage da Gaza, tradotto in inglese, spagnolo, francese e tedesco, con l'aggiunta di un'introduzione dello storico israeliano Ilan Pappé. Durante l'Operazione Piombo fuso, il suo blog Guerrilla Radio, nato nel luglio del 2004, e i suoi reportage ottengono notorietà internazionale in quanto unica fonte internazionale a informare da Gaza in un momento in cui nessun giornalista aveva accesso alla Striscia. Il sito di Arrigoni diviene per alcune settimane uno dei blog più visitati in Italia. Nel 2010, dopo aver in più occasioni dichiarato stima per lo scrittore Roberto Saviano e il giornalista Marco Travaglio («antipode del giornalista medio italiano, a cui una intera generazione di disinformati deve la Ricomparsa dei Fatti», al quale nel 2008 aveva dedicato un canale YouTube ), critica duramente alcune forti affermazioni pro-israeliane di entrambi. Il 4 gennaio 2011 ripubblica sul proprio blog il manifesto dei giovani di Gaza Gaza Youth Breaks Out in segno di protesta e a favore della loro rivendicazione di libertà sia dall'occupazione israeliana sia dall'oppressivo regime di Hamas. Nelle ultime settimane della sua vita prende posizione a favore delle rivoluzioni del 2011 in corso in diversi Paesi arabi, con l'auspicio di giungere a maggiore libertà per le popolazioni coinvolte.
(Wikipedia 3, luglio, 2011)

domenica 3 luglio 2011

No Tav



Un piccolo post per esprimere la mia solidarietà ai NO TAV.
Persone coraggiose che si battono per il futuro della loro terra e per quello dell'Italia.
Sinceramente da persone quali Andrea Di Sorte, uno si aspetta disinformazione e propaganda (con qualche augurio ad una rapida dipartita). Quello che mi fa veramente incazzare è l'atteggiamento di Bersani:
Mentre il segretario Pier Luigi Bersani sottolinea che gli ''attacchi violenti'' alle forze dell'ordine sono ''allarmanti e assolutamente inaccettabili''.
E' da anni che i valsusini protestano e manifestano pacificamente, cercano di portare avanti le loro ragioni dialogando e ora, nonostante anni di pacifica protesta e opposizione, si trovano espropriati e pestati dalle forze dell'ordine.
I loro quesiti, presentati in tutte le sedi ufficiali, non sono stati accolti (e questo ci può stare), ma non sono nemmeno stati ascoltati, non è stato dato loro un solo straccio di motivazione valida per la quale le loro richieste non possano essere accolte.
Quindi, se siamo arrivati al punto di avere orde di poliziotti in tenuta antisommossa che pestano cittadini indifesi, non vedo come si possa sostenere la posizione del governo e non vedo come si possano accusare i valsusini di essere dei sovversivi e di esercitare violenza contro lo Stato.
Tutto questo mi ricorda (tristemente) il G8 di Genova.